Ho tremato con la terra

Spettacolo-dialogo


Ho tremato con la terra

Un perpetuo circuito di produzione e distruzione

 

 

 

sabato 18 settembre 2010

ore 21.00

Sala della Comunità Montana del Gemonese

via Caneva, 25 - Gemona del Friuli (UD)

 

 

Nell’ambito del terzo ciclo di corsi della Scuola estiva di perfezionamento in Gestione del rischio sismico (Seismic Risk Management - SERM) organizzato dall’Università di Udine a Venzone, è inclusa la trattazione di temi relativi alle trasformazioni sociali dopo una catastrofe sismica e alla relazione fra conoscenza scientifica e conoscenza locale.
Tali temi sono affrontati da Bruna De Marchi, già responsabile del Programma Emergenze di Massa dell’Istituto di Sociologia Internazionale di Gorizia e da Silvio Funtowicz, funzionario del Centro Comune di Ricerca (JRC) della Commissione Europea. Data la rilevanza dell’argomento, non solo per gli esperti, ma anche per le comunità esposte al rischio, si è pensato ad un’iniziativa complementare indirizzata ad un pubblico più ampio in modo da far dialogare la scienza con la gente. Tale iniziativa assume la forma di uno spettacolo-dialogo, dal titolo: “Ho tremato con la terra. Un perpetuo circuito di produzione e distruzione”.
Lo spettacolo è tenuto dal Gruppo O’Thiasos. La parte artistico-recitativa, curata da attrici e musiciste (Sista Bramini, Francesca Ferri, Camilla dell’Agnola e Valentina Turrini) e dalla  fotografa Alice Benessia si combinerà con una parte espositiva, in cui Bruna De Marchi e Silvio Funtowicz affronteranno gli stessi temi trattati nel corso SERM.
L’obiettivo è di suscitare la riflessione e la partecipazione del pubblico sui temi del rischio, dell’incertezza, dell’identità e della memoria, sollecitandolo con vari e diversi linguaggi (della scienza, della poesia, della fotografia, del canto, …).
Filo conduttore sarà il ripetersi del ciclo della creazione, della distruzione e della rinascita, in cui si combinano eventi fisici e azione umana.
Attraverso il mito, il racconto, l’immagine, il dialogo, saranno evocati temi e situazioni in cui sgomento, paura e perdita si mescolano a speranza, impegno civile e solidarietà. Nel dialogo con il pubblico si vuol far emergere la memoria del terremoto che ha colpito il Friuli nel 1976 come un’esperienza individuale e collettiva che ha preso forma e significato proprio dalla combinazione fra l’evento fisico e il modo in cui le popolazioni colpite lo hanno vissuto allora, e il modo in cui  vogliono (o non vogliono) oggi ricordarlo e raccontarlo.
La “rappresentazione” avrà la durata di circa un’ora, dopo di che si aprirà il dialogo con il pubblico.

AllegatoDimensione
[file] manifesto ho tremato con la terra267.13 KB
[file] pighevole_serm_ho_tremato_con_la_terra.pdf486.88 KB

Enti Sostenitori

Università degli Studi di Udine    Comune di Venzone    Ass. comuni terremotati    Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia